per dare un futuro alla vita   
e valore al futuro

La lettera dei sindaci delle megalopoli dei Paesi al G20: "Noi, grandi alleati nella tutela del Pianeta"

I primi cittadini insistono sulla necessità di continuare il percorso iniziato a Parigi con azioni concrete, al fine di raggiungere l'obiettivo di limitare l’aumento della temperatura mondiale a 1,5 gradi centigradi rispetto ai livelli preindustriali.

A pochi giorni dall'inizio del vertice, dai sindaci delle città più importanti tra i Paesi del G20 è arrivata una lettera nella quale esortano i propri leader nazionali “A lavorare insieme per costruire un mondo a basse emissioni e in sicurezza climatica”.

I primi cittadini insistono sulla necessità di continuare il percorso iniziato a Parigi con azioni concrete, al fine di raggiungere l'obiettivo di limitare l’aumento della temperatura mondiale a 1,5 gradi centigradi rispetto ai livelli preindustriali, “Una delle sfide politiche, economiche e pratiche più grandi che qualsiasi leader nazionale si sia mai trovato ad affrontare”, ma con al fianco “Grandi alleati in questo compito: noi, i sindaci delle megalopoli del Pianeta”.

Alluvioni, ondate di calore, carenze idriche, inquinamento atmosferico: sono queste le conseguenze del cambiamento climatico con le quali si dovranno confrontare, “Nella consapevolezza che le città sono un elemento chiave della soluzione”, e questo a partire dall’introduzione di autobus elettrici nelle città cinesi alla messa al bando in città europee, sudamericane e indiane delle automobili più inquinanti dai centri urbani, dall’adeguamento di migliaia di edifici nel Nordamerica per migliorare l’efficienza energetica.

“Per questo”, si legge ancora nella lettera, “Stiamo tutti prendendo l’impegno, come parte del C40 Cities Climate Leadership Group, di elaborare piani effettivi per raggiungere gli obiettivi dell’Accordo di Parigi nelle nostre città. Così come il G20 è il più importante forum internazionale per la collaborazione economica”, concludono, “Il C40 ha dimostrato la forza delle megalopoli mondiali, sia del Nord che del Sud del mondo, nel lavorare insieme per affrontare la minaccia globale dei cambiamenti climatici”.


I firmatari della lettera:
Eduardo Paes, sindaco di Rio de Janeiro e presidente del C40; Steve Adler, sindaco di Austin; Bill de Blasio, sindaco di New York; Muriel Bowser, sindaca di Washington; Rahm Emanuel, sindaco di Chicago; Gustavo Fruet, sindaco di Curitiba; Eric Garcetti, sindaco di Los Angeles; Fumiko Hayashi, sindaca di Yokohama;
Charlie Hales, sindaco di Portland; Anne Hidalgo, sindaca di Parigi; Sadiq Khan, sindaco di Londra; Yuriko Koike, governatrice di Tokyo; Mitch Landrieu, sindaco di New Orleans; Ed Lee, sindaco di San Francisco; Patricia de Lille, sindaca di Città del Capo; Miguel Ángel Mancera, sindaco di Città del Messico; Clover Moore, sindaca di Sydney; Michael Müller, borgomastro governatore di Berlino; Ed Murray, sindaco di Seattle; Antônio Neto, sindaco di Salvador; Basuki Tjahaja Purnama, governatore di Giacarta; Virginia Raggi, sindaca di Roma; Gregor Robertson, sindaco di Vancouver; Horacio Rodríguez-Larreta, sindaco di Buenos Aires; Giuseppe Sala, sindaco di Milano; Wong Kam Sing, segretario per l’Ambiente del Governo della Regione amministrativa special di Hong Kong; John Tory, sindaco di Toronto; Marty Walsh, sindaco di Boston; Park Won-soon, sindaco di Seul.


di Elis Viettone

domenica 04 settembre 2016
#ASviS_Altre_News #goal11

Aderenti

Licenza Creative Commons
This work is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale