per dare un futuro alla vita   
e valore al futuro

IN EVIDENZA: È possibile creare
un futuro senza povertà?

La lotta alla povertà, la necessità di cambiare il modello di sviluppo e l’importanza di cominciare già dalla prossima Legge di stabilità il percorso per avvicinare l’Italia gli obiettivi dell’Agenda 2030: questi i messaggi più importanti diffusi dall’ASviS in questi giorni.

“La povertà è oggi la vera emergenza dell’Italia e l’insicurezza legata alla mancanza di politiche adeguate frena anche la ripresa economica, oltre che distruggere la coesione sociale e aumentare la sfiducia nella classe dirigente”: con queste parole il portavoce dell’ASviS Enrico Giovannini ha commentato in un comunicato il rapporto sulla povertà in Italia diffuso dall’Istat. In diverse occasioni (la trasmissione radiofonica Zapping, la rubrica “Scegliere il futuro” di Radio radicale) Giovannini ha avanzato proposte per una politica più efficace di contrasto alla indigenza che affligge molti milioni di italiani. Va anche ricordato che il primo Goal dell’Agenda dell’Onu prevede, nel secondo target, il dimezzamento entro il 2030 della povertà calcolata secondo i parametri nazionali: ogni anno che passa rende il raggiungimento di questo obiettivo sempre più difficile.

Le cronache sulle politiche di sostenibilità registrano anche l’avvio dei lavori del Comitato permanente  sull’Agenda 2030 nell’ambito della commissione Esteri della Camera dei deputati, con l’audizione dello stesso Giovannini, mercoledì 13. Nell’incontro, il portavoce dell’ASviS ha ribadito la necessità di “assumere l’Agenda Globale e i relativi obiettivi di sviluppo sostenibile come riferimento della prossima Legge di stabilità e di avviare un programma di educazione allo sviluppo sostenibile nelle scuole di ogni ordine e grado, orientata a favorire comportamenti individuali e collettivi coerenti con questo paradigma”. La discussione alla Camera, alla quale hanno partecipato numerosi deputati, ha messo in luce la profondità dei problemi: Giovannini ha esordito presentando una serie di slide sul “futuro che non vogliamo” ed è emersa chiaramente l’entità della sfida che abbiamo davanti. Concetti analoghi sono stati ribaditi in un'intervista all’Unità pubblicata il giorno successivo nella quale Giovannini ha insistito sulla necessità di un cambiamento nel modello di sviluppo.

Tra gli avvenimenti da segnalare in Italia, il Rapporto nazionale che il governo italiano ha presentato il 16 luglio sullo sviluppo urbano sostenibile, in cui offre un quadro della situazione nel nostra Paese e gli interventi e pianificazioni in linea con l'Agenda. Il Rapporto è stato preparato in vista della Conferenza internazionale Habitat III, organizzata da Un-Habitat, l’Agenzia delle Nazioni Unite sugli Insediamenti Umani, che si svolgerà a Quito, Ecuador, dal 17 al 20 ottobre 2016.
Inoltre l'Osservatorio nazionale sul disagio e la solidarietà nelle stazioni italiane, Onds, ha reso noto, nel corso di un dibattito al quale ha partecipato anche il portavoce dell'ASviS, il rapporto relativo al 2015 nel quale descriveva le attività sociali svolte nei 15 Help Center all’interno delle stazioni ferroviarie distribuite sul territorio italiano: 21.292 persone, ovvero il 40% della popolazione senza dimora, si è rivolta a questi presidi con un incremento dell'11% rispetto all'anno precedente.
Save the Children Italia ha pubblicato il rapporto globale “Unequal Portions. Ending Malnutrition for Every Last Child” in occasione dell’evento internazionale di advocacy che si è tenuto a Roma l'11 luglio, con la partecipazione delle agenzie delle Nazioni Unite del polo alimentare, del Who, del Governo Italiano e di altri rappresentanti istituzionali ed esperti.

Ricordiamo anche i lavori delle Nazioni Unite ancora in corso fino al 20 luglio a New York: l'High-level Political Forum on Sustainable Development, prima riunione dall'adozione degli SDGs con la partecipazione di tutti gli stati membri per fare il punto sulle azioni intraprese e discutere di nuove questioni emergenti.
Intanto a Nairobi dal 17 al 22 luglio si svolge il forum promosso e organizzato dall'Agenzia Onu Unctad, United Nations Conference on Trade and Development,  per la definizione di politiche sugli investimenti per lo sviluppo, che avrà come focus proprio gli obiettivi dello sviluppo sostenibile.
 

Eventi in Italia

  • Sabato 16 luglio -  A Trento da un progetto di ricerca e divulgazione scientifica sviluppato in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, il Muse, Museo delle Scienze, inaugura la mostra "Estinzioni. Storie di catastrofi e altre opportunità". Fra i documenti inediti anche il filmato dell'intervento di Severn Cullis-Suzuki, la bambina, divenuta oggi un’attivista ambientale, che nel 1992 stupì il mondo con le sue parole all’Onu in difesa del futuro del pianeta.
  • Lunedì 18 luglio – A Roma il convegno su "Servizi Idrici e green economy: opportunità e difficoltà nella governance del servizio idrico in Italia", organizzato dalla Fondazione per lo Sviluppo sostenibile, in preparazione degli Stati Generali della Green Economy 2016.
  • Martedì 19 luglio – A Roma l'evento di lancio dell'Associazione Social Value Italia, per la promozione della cultura della valutazione d’impatto sociale a livello di pubblica amministrazione, organizzazioni del terzo settore, soggetti filantropici ed operatori economici e finanziari, in collaborazione con Social Value International, il più importante network internazionale sulla misurazione dell’impatto sociale.


a cura di Donato Speroni ed Elis Viettone

domenica 17 luglio 2016
#ASviS_In_Evidenza

Aderenti

Licenza Creative Commons
This work is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale