per dare un futuro alla vita   
e valore al futuro

IN EVIDENZA NELLA SETTIMANA: Centrare gli SDGs? Molto dipende dalle donne

Notizie da ogni parte del mondo segnalano la lotta femminile per la parità di trattamento e per l’empowerment. Negli Usa cresce la mobilitazione contro il climate change, ma ci si preoccupa anche dell’inquinamento dallo spazio.

di Donato Speroni

Cercasi Responsabile per la Protezione Planetaria. Il salario è interessante, tra i 124 e i 187mila dollari l’anno. Anche il datore di lavoro è di tutto rispetto: la Nasa. Ma non è un compito facile: il Planetary protection officer, spiega Futurism, dovrà proteggere la Terra da qualsiasi contaminazione derivante da materiali organici e biologici che qualche astronave potrebbe riportare dallo spazio. Poiché l’incarico riguarda i lanci di tutto il mondo, per essere assunti bisogna dimostrare anche “capacità diplomatiche tali da prospettare soluzioni win-win nel corso di discussioni multilaterali estremamente difficili e complesse”. E chi può dire se un domani a ricoprire questo ruolo sarà Jack Davis, il bambino di 9 anni del New Jersey che ha inviato la propria candidatura per la posizione definendosi già un "guardiano della galassia".

Il nuovo officer della Nasa dovrà proteggerci dai rischi che possono arrivare dallo spazio, ma non dalle minacce che noi stessi provochiamo al Pianeta. Minacce che non diminuiscono. Dopo An inconvenient truth, il documentario diffuso nel 2006 che gli valse il premio Nobel, l’ex vicepresidente americano Al Gore sta ora diffondendo un nuovo film per documentare l’aggravarsi delle condizioni climatiche e per contestare le scelte di Donald Trump. Si chiama, significativamente “An inconvenient sequel: Truth to Power”. L’ex vicepresidente non è certo solo in questa battaglia. Dopo l’uscita di Trump dall’Accordo di Parigi, ha visto la luce una inedita United States climate alliance che già oggi riunisce 14 stati degli Usa per un totale pari a un terzo della popolazione americana, per contestare le scelte della Casa Bianca.

Le buone notizie più significative in questi giorni ci vengono però dalle battaglie delle donne. Il Jordan Times ha annunciato, dopo una vasta mobilitazione delle giordane, l’abolizione dell’articolo 308 del codice penale che consentiva agli stupratori di sfuggire alla pena sposando le loro vittime. Una norma analoga è stata approvata nei giorni scorsi anche in Tunisia (e in precedenza in Egitto), ma, come ci avverte Zena Tahhan di Al Jazeera, “norme di questo tipo esistono ancora in Algeria, Bahrain, Iraq, Kuwait, Libano, Libia, Palestina e Siria, oltre che in diversi Stati dell’America latina e dell’Asia”.

La rivendicazione di libertà delle donne nel mondo musulmano passa anche attraverso altre forme, come le massicce manifestazioni sulle spiagge algerine per il diritto al bikini, come ci racconta Il Corriere della Sera.

Nei Paesi industrializzati di cultura occidentale ci sono altri problemi. Per esempio, nella risposta della leader dell’opposizione neozelandese Jacinta Ardern, 37 anni, che stanca di essere interrogata nei talk show preelettorali sulla eventualità che mettesse al mondo un figlio, distraendosi dagli impegni della eventuale premiership, ha risposto: “Chiedetevi perché questa domanda non vi sognereste mai di farla a un maschio”.

È anche interessante la rilevazione dell’Economist, che ha calcolato che la differenza salariale tra donne e uomini è molto elevata (28,6% in meno del salario dei maschi in Uk), soprattutto perché le donne restano confinate a lavori di minore livello. Quando riescono invece a sfondare il “soffitto di cristallo” verso gli impieghi più qualificati, la differenza si riduce molto.

È importante sottolineare che gli spunti relativi all’empowerment femminile non investono solo il Goal 5, cioè l’Obiettivo specificamente dedicato alla parità di genere, ma riguardano tanti altri aspetti che fanno parte dell’Agenda 2030 dell’Onu: dal lavoro ai diritti civili, dalla sanità all’istruzione. E le donne saranno protagoniste nel raggiungimento di molti target dell’Agenda.

Anche in Italia si è parlato di occupazione femminile, soprattutto in relazione ai dati Istat che hanno fatto rilevare un aumento del tasso di occupazione femminile. Molti commentatori (tra gli altri Maurizio Ferrera) però hanno sottolineato che comunque si tratta di un miglioramento congiunturale, che non cancella il fatto strutturale che l’Italia è ai livelli più bassi di occupazione femminile in Europa. Secondo un rapporto dell’Inps citato da Repubblica, la scelta di avere un figlio comporta mediamente un taglio del salario del 35%.

Si potrebbe continuare con numerosi altri articoli su questo tema, ma ecco invece altre due annotazioni sull’Italia. La prima è la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del Codice del Terzo Settore che ha riscosso commenti positivi del Forum che raccoglie le associazioni.

La seconda ci viene dalla newsletter della Fondazione Unipolis, che annuncia il prossimo Rapporto dell’ASviS con queste parole, che riportiamo perché sono un ottimo promemoria di quello che ci attende tra poche settimane.

L’appuntamento è già fissato: la mattina del 28 settembre alla Camera dei deputati verrà presentato il secondo Rapporto sullo Sviluppo Sostenibile in Italia.  L’ASviS – Alleanza italiana per lo Sviluppo Sostenibile - promossa congiuntamente da Fondazione Unipolis e Università Tor Vergata di Roma - è impegnata ormai da diverse settimane nella elaborazione del documento che farà il punto sulla capacità del nostro Paese di tenere il passo con l’Agenda 2030, approvata praticamente alla unanimità da tutti gli stati aderenti alle Nazioni Unite nel settembre del 2015. Un percorso complesso e impegnativo ma necessario per affrontare i gravi problemi del Pianeta in termini sociali, ambientali, civili oltre che economici. L’Italia, come è stato evidenziato anche nel corso della centinaia di incontri organizzati da ASviS durante il Festival dello Sviluppo Sostenibile, insieme alle tante criticità, esprime notevoli potenzialità, ma ha necessità di sviluppare con decisione e determinazione gli obiettivi indicati dall’Agenda 2030, proprio per uscire dalla crisi, promuovendo innovazione e cambiamento sostenibili come condizione per ridurre povertà e disuguaglianze.

Nell’assemblea di ASviS, svoltasi il 13 luglio scorso, è stato registrato un ulteriore incremento degli aderenti all’Alleanza, che sfiorano ormai le duecento unità. E’ la dimostrazione di quanto sia forte la spinta di tante organizzazioni sociali, ambientaliste, economiche, culturali e della società civile, verso politiche che affrontino i diversi nodi critici di uno sviluppo che metta al centro le persone, la loro dignità sociale, così come la salvaguardia dell’integrità dell’ambiente quale condizione per assicurare il futuro dell’umanità.

Chiudiamo con una notizia lontana ma importante. Ci dice l’Economist che in India la stagione dei monsoni è stata favorevole all’agricoltura. I prezzi al consumo sono cresciuti solo dell’1,5%, molto al di sotto del previsto 4%. E questo è certamente un bene per centinaia di milioni di indiani delle classi più povere, se pensiamo a quante volte in questi ultimi anni il rialzo dei prezzi degli alimenti ha provocato rivoluzioni e sommosse. Ogni tanto, nonostante tutto, il Pianeta ci sorride.

Buon Ferragosto a tutti.

Il prossimo aggiornamento sarà pubblicato il 21 agosto.

_____________________

E INOLTRE...

a cura di Lucilla Persichetti

In questi giorni il sito asvis.it si è anche occupato di:

  • Il Rapporto “Investing for Global Impact 2017”, secondo il quale gli investimenti a impatto sociale e ambientale sono ormai ritenuti più efficienti rispetto alla filantropia, e sempre più famiglie e fondazioni li integrano nei propri portafogli registrando ritorni finanziari positivi.
     
  • L’Earth overshoot day, avvenuto quest’anno il 2 agosto, che è il giorno in cui l’umanità entra in deficit ecologico, con una domanda di risorse che eccede le capacità rigenerative della Terra. La data viene identificata ogni anno dal Global Footprint Network, che quest’anno ha sviluppato anche il “footprint calculator”, uno strumento che permette di calcolare la propria impronta ecologica oltre che l’Overshoot day personale.
     
  • La consultazione avviata dal Ministero dell’Ambiente sul Piano nazionale di adattamento ai cambiamenti climatici (Pnacc). Elaborato dal lavoro del Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici, il Piano dà attuazione alla Strategia nazionale di adattamento ai cambiamenti climatici (Snac) e fornisce un quadro delle tendenze climatiche italiane e degli scenari futuri, analizzando impatti e vulnerabilità del territorio e identificando possibili azioni di adattamento oltre che strumenti di monitoraggio e valutazione.
     
  • Il Rapporto “National and Sub-national Governments on the way towards the localization of the SDGs”, a cura del network Local and Regional Governments (Lrg), che raccoglie e documenta realtà legate alle amministrazioni seguendo il modello delle Voluntary National Reviews presentate dagli Stati in occasione dell’High-Level Political Forum. Il documento evidenzia che solo 38 delle 63 Reviews persentate agli Hlpf del 2016 e 2017 coinvolgono i governi locali e regionali nel processo di monitoraggio degli SDGs.
     
  • La relazione del programma di monitoraggio comune stilato dalla World Health Organization e Unicef “Progress on Drinking Water, Sanitation and Hygiene: 2017 Update and Sustainable Development Goal Baselines”,  secondo la quale un miliardo di persone non ha accesso all’acqua potabile in casa e più del doppio non dispone di impianti igienici.
     
  • La risposta del presidente della Commissione Ue, Jean-Claude Juncker, al "Sesto scenario: un'Europa sostenibile per i suoi cittadini". Il documento, presentato alla Commissione da SDG Watch in alternativa alle cinque visioni delineate nel Libro bianco sul futuro dell'Europa, è ritenuto di grande valore, ma vengono riconfermate le linee di azione dell'Ue sull'integrazione degli SDGs nelle politiche.

Altre segnalazioni

  • Unioncamere, Confagricoltura e Confartigianato hanno aggiunto la propria firma alla dichiarazione "Le imprese italiane insieme per gli Obiettivi di sviluppo sostenibile", un impegno congiunto a promuovere l’innovazione e la finanza necessarie per orientare le strategie aziendali verso gli SDGs. La dichiarazione è stata sottoscritta da organizzazioni e imprenditori nel corso del convegno “Aziende e finanza 2030: il motore dello sviluppo sostenibile”, svoltosi il 1° giugno a Milano su iniziativa dell’ASviS nell’ambito del Festival dello sviluppo sostenibile.
     
  • L’Istituto nazionale di Statistica e Casa Italia, struttura di missione della Presidenza del Consiglio, hanno lanciato il 3 agosto un sito web dedicato ai rischi naturali in Italia. Il sito è parte integrante di quello dell’Istat e presenta variabili e indicatori sui rischi di esposizione a terremoti, frane, alluvioni ed eruzioni vulcaniche per ciascun Comune.
     
  • La Fondazione Pubblicità Progresso ha lanciato l’iniziativa “Social Whale”, un esperimento sociale per dimostrare che i social network, se adeguatamente utilizzati, possono diventare vettori di valori positivi. L’iniziativa parte dal 31 luglio e si svolgerà per tutto il mese di agosto sulla pagina Facebook di Pubblicità Progresso, che inviterà i partecipanti a svolgere una serie di azioni da condividere con l’hashtag #SocialWhale.
     
  • Fondazione con il Sud ha presentato, il 19 luglio , il bilancio di missione relativo al 2016 “Smontiamo i luoghi comuni”. Lo scorso anno la Fondazione ha investito oltre 23 milioni di euro nella promozione dello sviluppo locale nell’Italia meridionale, con 251 iniziative che hanno coinvolto più di mille organizzazioni del Mezzogiorno.
     
  • Un articolo pubblicato il 26 luglio da Percorsi di Secondo Welfare analizza il contributo di Save the Children alla lotta alla povertà in Italia. L’impegno è cresciuto di anno in anno e nel 2016 l’organizzazione ha realizzato 64 progetti raggiungendo oltre 100mila destinatari di cui quasi 80mila tra minori e ragazzi.
     
  • Nel numero del 9 luglio 2017 della rivista Nuova Etica Pubblica dell’Associazione Etica PA è stato pubblicato un articolo di Daniela Colombo dal titolo “Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile: una prospettiva di genere”.
     
  • Il 4 agosto su Greenreport.it è stato pubblicato un articolo di Gianfranco Bologna, direttore scientifico del Wwf Italia, dal titolo “Contro il greenwashing: il sosteniblablablà ha un costo elevato”, che tratta l’abuso dei termini “sostenibile” e “sostenibilità”, fenomeno che ne compromette il significato e l’impatto.
     
  • Il libro “Complexity in Society: From Indicators Construction to their synthesis”, pubblicato nel 2017 e curato da Filomena Maggino, presidente dell’Associazione Italiana per gli studi sulla Qualità della Vita (Aiquav), esamina i recenti sviluppi e i problemi legati agli indicatori sociali. Il volume fa riferimento a prospettive concettuali, questioni metodologiche, soluzioni tecniche ed esperienze pratiche.
     
  • È uscita la nuova edizione del libro “Lezioni di governance politica ed economica internazionale” (Eurilink, 2017), di Maurizio Melani, vicepresidente di Plan International. Il libro descrive l'evoluzione degli equilibri politici, economici e di sicurezza globali e regionali, delle loro interrelazioni e degli strumenti formali e informali per il loro regolamento.
     
  • Il Forum dell’Innovazione per la Salute ha prorogato al 10 agosto la scadenza per partecipare al Premio Innova S@lute2017. L’iniziativa, promossa con il supporto di Teva Italia, premia i progetti che sanno dare le migliori risposte ai crescenti bisogni di salute. L’evento di premiazione avrà luogo a Roma il 20-21 settembre.
     
  • Il programma di finanziamenti European Grant Competition della Global Challenges Local Solutions sostiene fondazioni e organizzazioni filantropiche europee che si impegnano per realizzare gli SDGs a livello locale. Le organizzazioni possono inviare la propria candidatura compilando il form a questo link entro la fine di settembre.
     
  • Il cortometraggio “Un Lancio per la Sicurezza”, ideato da Sebastiano Trapani e diretto da Leonardo Ranieri, è un progetto sociale, indipendente e culturale sul tema della sicurezza sul lavoro. Il corto è dedicato ai bambini, vittime indirette delle morti bianche, e mira a sensibilizzare la comunità mostrando il forte legame tra sicurezza, emozioni e vita.
     
  • Il workshop per giornalisti organizzato dal governo dell’isola di Santa Lucia e dal National Adaptation Plan (Nap) Global Network è stato un’occasione per discutere come raccontare meglio ai lettori l’adattamento ai cambiamenti climatici.

Prossimi eventi:

  • 12 agosto - Il Consorzio turistico di Madesimo consegnerà il Premio Madesimo 2017 a Nicola Armaroli per il suo libro “Energia per l’Astronave Terra – L’era delle Rinnovabili”, Zanichelli Editore, 2017. Giunto alla sua 22esima edizione, il Premio celebra dal 1996 chi si contraddistingue nel dibattito generale con il proprio pensiero critico, anticonformista e fuori dal coro.
     
  • 7 - 10 settembre – A Terni si tiene l’Umbria Green Festival. Il tema conduttore dell’evento è la sostenibilità come orizzonte di una nuova economia, basata sulle produzioni di qualità, sulla valorizzazione del Territorio e del Paesaggio promuovendo uno stile di vita più lento e consapevole al fine di salvaguardare, dall’inquinamento e dal consumo eccessivo di risorse, il nostro Mondo e in particolare l’Umbria-Cuore Verde d’Italia.
     
  • 8 settembre – A Roma si tiene la 2nd Rome Conference of Value Based Investors & SDGs. La conferenza, organizzata da European Partners for the Environment (Epe) e dalla Federazione delle banche, delle assicurazioni e della finanza (FeBAF) esplorerà i modi attraverso i quali finanzieri, esperti di green economy e rappresentanti della società civile possono cooperare per trasformare l’Europa e il mondo attraverso la finanza sostenibile. L’evento avrà luogo a Via San Nicola da Tolentino 72.
  • 12 settembre – A Roma Kate Raworth tiene la Aurelio Peccei Lecture. In questa occasione l’economista dell’Environmental Change Institute dell’Università di Oxford e del Cambridge Institute for Sustainability Leadership, nonché membro del Club di Roma, presenterà il suo volume “L’economia della ciambella. Sette mosse per pensare come un economista del XXI secolo”, edizioni Ambiente. L’evento si terrà presso la Nuova Aula dei Gruppi Parlamentari della Camera dei Deputati, e avrà inizio alle 10:30.
     
  • 12 settembre – A Roma Prioritalia interverrà con uno speech di Marcella Mallen nel workshop su “Health and Security” nell’ambito del progetto Futurisers, un percorso formativo progettato da Open Hub e dalla sua TIXE academy. Il progetto mette insieme il mondo delle Università, delle imprese, dell’associazionismo e delle Istituzioni per comporre una esperienza modulare dedicata al mondo delle professioni e alle organizzazioni che intendano affrontare con consapevolezza ed efficacia il cambiamento nell’epoca della Digital trasformation.
     
  • 15 - 16 settembre – A Pesaro si svolgerà l’iniziativa “Verso gli Stati Generali della Mobilità Nuova” dal titolo “Muovere le idee per muovere le persone”, promossa da associazioni e istituti che operano nel settore della mobilità sostenibile, tra cui Legambiente, Isfort, Kyoto Club, Euromobility, Fondazione per lo sviluppo Sostenibile, Ambiente Italia, Alleanza Mobilità Dolce. L’evento, che mira a promuovere il cambiamento del modello di mobilità del Paese, è organizzato in collaborazione con il Comune di Pesaro, la regione Marche e con il Patrocinio di Anci.
  • 17-19 settembre – A San Paolo (Brasile) avrà luogo il Symposium on Sustainability in University Campuses sul tema della sostenibilità applicata ai campus universitari. L’evento è stato organizzato da University of São Paulo in Brazil, Manchester Metropolitan University, il Research and Transfer Centre “Applications of Life Sciences” della Hamburg University of Applied Sciences e dell'Inter-University Sustainable Development Research Programme.
  • 18 – 22 settembre – All’Aia è stata organizzata l’International Metropolis Conference 2017. Il tema della conferenza di quest'anno è la Migrazione e la Giustizia Globale e si terrà presso il Municipio dell'Aia.
  • 20 settembre – A Roma si tiene il forum "Lo sviluppo sostenibile: un'opportunità per Imprese, Finanza e Istituzioni". L'obiettivo del forum è il confronto sulle iniziative da assumere a livello territoriale per promuovere in concreto modelli di business orientati ad obiettivi di sostenibilità ambientale, economica e sociale. L'evento si terrà a Palazzo De Carolis presso la Sala Minerva in Via Lata, 3 dalle ore 9.30 alle 13.00.
  • 20 – 21 settembre – A Roma si tiene la convention S@lute 2017, organizzata dal Forum dell’Innovazione per la Salute con il supporto di  Teva Italia. Durante l’evento, che si terrà al Centro Congressi Roma Eventi, verrà assegnato il Premio Innova S@lute ai migliori progetti in grado di dare risposte concrete ai crescenti bisogni di salute.
     
  • 21 settembre – A New York la Un Global Compact tiene il Leaders Summit 2017. In questa occasione si dedicherà particolare attenzione al tema delle partnership pubblico-private per il raggiungimento degli Global Goals 2030. Nell’ambito del Summit sarà favorita e sviluppata una riflessione condivisa di altissimo livello sulle modalità per garantire un più esteso, significativo ed efficace coinvolgimento di imprese, istituzioni ed organizzazioni di stakeholder nell’azione globale per lo sviluppo sostenibile.
     
  • 21 settembre – A Riga si tiene il Social Innovation Tournament della Banca Europea per gli Investimenti, organizzato ogni anno in un Paese diverso per premiare i migliori imprenditori sociali europei. L’evento avrà inizio alle 9:00.
  • 26 settembre – A Lucca si tiene la seconda edizione di "Dal dire al fare" organizzato dalla Fondazione Global Compact Network Italia nella prestigiosa sede di Palazzo Pfanner in via degli Asili 33. Il Forum sarà ospitato dal Gruppo Sofidel ed è organizzato con il supporto di A2A e Edison.
     
  • 28 settembre – A Roma, presso la Camera dei Deputati, l’Alleanza presenterà il Rapporto ASviS 2017. Il documento analizza i progressi compiuti dall’Italia, dall’Unione europea e dal mondo nell’attuazione dell’Agenda 2030, valuta la misura in cui le politiche messe in campo finora in Italia consentiranno all’Italia di centrare gli Obiettivi di sviluppo sostenibile e presenta le proposte che le oltre 170 organizzazioni che aderiscono all'Alleanza formulano alle istituzioni, ai partiti e ai movimenti politici, nel momento in cui questi ultimi stanno preparando le loro piattaforme programmatiche in vista delle prossime elezioni. La presentazione del Rapporto avrà inizio alle 10.30.
lunedì 07 agosto 2017
#ASviS_In_Evidenza

Aderenti

Licenza Creative Commons
This work is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale