per dare un futuro alla vita   
e valore al futuro

Presentato alla Commissione europea il “sesto scenario”, una visione dell’Europa incentrata sullo sviluppo sostenibile

ASviS tra le 250 organizzazioni della società civile firmatarie del documento per una visione alternativa: un'Europa più democratica, giusta e sostenibile.

Il “sesto scenario: un’Europa sostenibile per i suoi cittadini” presenta la visione di un'Europa in cui “la sostenibilità sia saldamente collocata al centro dei progetti europei”. Il documento è stato lanciato ieri, martedì 20 giugno, in vista del prossimo vertice del Consiglio d’Europa che si terrà il 22 e 23 a Bruxelles e sarà incentrato su tematiche cruciali riguardo il futuro dell’Ue tra cui l’immigrazione, la sicurezza, il lavoro e la Brexit. Questa settimana segna anche l'anniversario di un anno dalla decisione del Regno Unito di lasciare l'Unione, evento di portata epocale che ha aperto un vaso di Pandora riguardo la direzione che prenderà l’Ue e che rimane tema scottante dell’agenda politica.

Il documento è stato sottoposto all’attenzione del Presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker e intende influenzare il dibattito sulla direzione che intraprenderà l’Europa. Significativo il fatto che il documento sia stato approvato da organizzazioni del terzo settore che rappresentano questioni di interesse pubblico, compresi i diritti del lavoro, la cultura, lo sviluppo, l'ambiente, la salute, i diritti delle donne, i giovani e i gruppi contro la discriminazione. La visione suggerita e sottoscritta da ASviS descrive un futuro per l'Europa in cui "la sostenibilità è saldamente al centro del Progetto europeo" e in cui l'Ue si concentra sulla "democrazia e partecipazione, la giustizia sociale e ambientale, solidarietà e sostenibilità, il rispetto dello Stato di diritto e diritti umani, in Europa e in tutto il mondo".

Le organizzazioni firmatarie propongono questo scenario per il futuro come alternativa alle proposte del Presidente Juncker, che sono state elaborate in cinque altri possibili scenari sul futuro e sono in corso di consultazione da parte degli Stati membri che esprimeranno le loro conclusioni alla fine dell'anno.

La campagna di comunicazione relativa al sesto scenario intende sensibilizzare la società a tutti i livelli riguardo l’importanza dell’orientamento dell’Unione verso un futuro democratico e sostenibile.

 

Scarica il documento ufficiale "Sesto scenario: un'Europa sostenibile per i suoi cittadini"

Leggi il comunicato stampa
 

di Ottavia Ortolani

mercoledì 21 giugno 2017
#ASviS_News_Alleanza #agenda2030

Aderenti

Licenza Creative Commons
This work is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale