per dare un futuro alla vita   
e valore al futuro

Al Think20 Summit si è discusso di ridurre i rischi grazie alle nuove tecnologie

Nell’incontro del network degli istituti di ricerca, in preparazione del prossimo G20, la Feem ha partecipato a quattro studi. Uno sull’innovazione nelle piccole e medie imprese per il de-risking finanziario.

Anche al 23° incontro dei G20, che si terrà ad Amburgo il 7-8 luglio prossimi, si parlerà di  Agenda 2030, il programma d’azione per le persone, il pianeta e la prosperità sottoscritto nel settembre 2015 dai governi dei 193 Paesi membri dell’ONU.

Dal 29 al 30 maggio si è tenuto a Berlino il Think 20 Summit, incontro al vertice previsto dal Think 20 (T20), il network degli istituti di ricerca e dei think tank dei paesi appartenenti al G20. L’obiettivo del T20 network è di fornire ai paesi del G20 un supporto alla policy basato sull’evidenza scientifica, promuovendo l’interazione tra i suoi membri e la comunità dei decisori politici e comunicando i temi di importanza globale a un pubblico più vasto. A questo scopo è prevista la realizzazione di una piattaforma web permanente, la G20 Insights Platform.

La Fondazione Eni Enrico Mattei (Feem), associata ad ASviS fin dalla sua nascita, ha contribuito a quattro G20 Insights Policy Briefs, tre su Climate Policy and Finance e uno su Forced Migration.

In particolare, la ricercatrice Elena Verdolini della Feem è la lead author del Policy Brief "Innovative green-technology SMEs as an opportunity to promote financial de-risking" che sottolinea il ruolo dell’innovazione delle piccole e medie imprese nel promuovere il de-risking finanziario nell’ambito degli impegni presi nell’Accordo sul Clima di Parigi e gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile previsti dall’Agenda 2030 promossa dalle Nazioni Unite.

di Laura Brunetti

lunedì 05 giugno 2017
#ASviS_Altre_News #goal9

Aderenti

Licenza Creative Commons
This work is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale