per dare un futuro alla vita   
e valore al futuro

Il futuro dei trasporti e gli obiettivi della COP 21 di Parigi

Dall’ITF  e l’Ocse, il rapporto Transport Outlook 2017: senza l’adozione di nuove politiche, al 2050 le emissioni di CO2 dal settore trasporti potranno aumentare del 60%, nonostante il progresso della tecnologia.

Per l’attuazione degli obiettivi della COP 21 di Parigi il rapporto pubblicato il 30 gennaio 2017 dall’ITF (International Transport Forum) e dall'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, integrando le previsioni di aumento della domanda di trasporti con le emissioni di CO2, valuta la necessità di attivare tutte le possibili politiche per scongiurare il rischio concreto che al 2050 tali emissioni possano aumentare del 60%, anche tenendo conto di significativi progressi nell’innovazione tecnologica.

Tra le soluzioni e strategie auspicate: evitare (avoid) domanda di trasporto non necessaria, spostare (shift) sulle opzione di trasporto sostenibile, migliorare (improve) l’efficienza.

Lo studio valuta che utilizzando al meglio le possibili opzioni sarà ancora possibile contenere l’aumento della temperatura entro i 2°C, ma non entro il 1,5° come auspicato dall’accordo di Parigi. Come dichiarato dal segretario generale dell’ITF Jose Viegas nella presentazione, "poter disporre di trasporti efficienti e alla portata di tutti rispettando gli obiettivi di decarbonizzazione è una sfida molto impegnativa. La politica deve agire ora per assicurare un futuro sostenibile ai trasporti, ma con una visione strategica a lungo termine. Bisogna evitare la trappola di risparmi di energia a breve termine destinati a essere inefficienti nel lungo termine, in particolare quelli che impegnano grandi investimenti, come quelli infrastrutturali".
 

di Luigi Di Marco

mercoledì 08 febbraio 2017
#goal13 #ASviS_Altre_News

Aderenti

Licenza Creative Commons
This work is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale