per dare un futuro alla vita   
e valore al futuro

Nuove indicazioni della Commissione Ue su economia circolare ed energia

Su incenerimento di rifiuti e produzione di energia, da Bruxelles la COM 34 “Waste to energy” conferma come prevenzione e riuso siano considerati prioritari anche in rapporto alla necessità di ridurre le emissioni di gas serra.

Nella COM del 26 gennaio 2017, la Commissione Europea sottolinea l’importanza di evitare che  nuovi impianti di trasformazione di rifiuti in energia possano produrre una sovra-capacità produttiva che ostacoli nel tempo il diffondersi delle pratiche più virtuose dal punto di vista sia ambientale che economico della prevenzione, del riuso, del riciclo dei rifiuti.


La Commissione raccomanda specificamente agli stati membri con bassi livelli di raccolta differenziata e scarsa presenza d’impianti d’incenerimento, di valutare l’impatto degli obblighi a lungo termine di raccolta e riciclo che possono ridurre nel tempo l’alimentazione di nuovi impianti d’incenerimento, altresì valutando la possibilità transitoria di conferimento ad impianti ubicati e in corso di realizzazione in stati vicini.


Per gli stati membri con alta capacità d’incenerimento, raccomanda l’applicazione di tasse per le attività d’incenerimento fino al pareggio con le tasse per il conferimento in discarica per gli impianti con bassa resa energetica, la  progressiva fuoriuscita dalle misure incentivanti  per l’incenerimento, introduzione di una moratoria per nuovi impianti e la dismissione degli impianti più obsoleti e inefficienti.
 

di Luigi Di Marco

mercoledì 08 febbraio 2017
#goal7 #ASviS_Altre_News

Aderenti

Licenza Creative Commons
This work is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale